Capitali europee da vivere e scoprire

L’estate è ormai nel pieno del suo fulgore, i vacanzieri nostrani affollano ormai da giorni le località turistiche e le tanto desiderate ferie ritemprano il corpo e lo spirito di milioni di persone. Eppure, c’è chi preferisce evitare l’affollamento e i prezzi alti dell’alta stagione e viaggiare quando il caldo e l’afa hanno mollato un po’ la presa. Già, ma la domanda ricorrente, tra una fetta di anguria e un bicchiere di orzata ghiacciata, è sempre la stessa: ‘Dove andare?’. Ecco allora un consiglio: liberate il tavolo da cucina, aprite l’atlante sulla cartina dell’Europa e disegnate il vostro itinerario, scegliendo tra queste quattro capitali (più una) da vivere e scoprire.

Parigi

Durante l’estate i parigini si muovono in massa verso le spiagge del sud o quelle più fresche dell’Atlantico. Questo è dunque il periodo migliore per addentrarsi tra gli eleganti boulevard della Ville Lumiere, senza correre il rischio di un’emicrania per colpa del traffico. E se ci siete già stati e già conoscete i monumenti più famosi, dedicatevi a scoprire gli angoli più caratteristici e originali della capitale francese: l’aria bohemienne di Belleville, le stradine di pavé e le case basse di Butte-aux-Cailles o il fascino esotico del Quartiere cinese. Chi ama godersi il panorama dal finestrino, poi, può approfittare dei Prezzi Mini di iDBUS per andare in bus da Torino a Parigi, in modo da assporare il sapore autentico del viaggio e della scoperta anche durante gli spostamenti.

Parigi

Bruxelles

Il luogo migliore per cominciare a conoscere la frizzante e allegra capitale belga è la Grand Place. Su questa famosa piazza si affacciano gli stupendi edifici neoclassici che sono il simbolo della città come l’Hotel de la Ville, sormontato dalla statua di San Michele, l’antica Casa del Pane, ribattezzata Maison du Roi – anche se non ci ha mai abitato nessun re -, o le Case delle antiche corporazioni. Se tutto questa arte vi ha messo fame, imboccate la Rue Chair et Pain fino alla Rue des Bouchers: qui troverete decine di ristoranti che servono la specialità di Bruxelles, le cozze con le patate fritte. Se poi viaggiate con bambini – o volete recuperare lo spirito fanciullesco che è in voi – non perdetevi il Museo del Fumetto: tra i tanti cimeli qui conservati, troverete addirittura la gabbia che Gargamella usava per imprigionare i Puffi!

Barcellona

D’accordo, la capitale della Spagna è Madrid. Ma andate a spiegarlo ai catalani che la loro città non ha una vita e un’offerta culturale almeno pari a quella delle grandi capitali europee. Barcellona poi è una città a cui si torna sempre. Sarà per la sua essenza mediterranea, per le bellezze di Gaudì o per quell’aria un po’ sofisticata che la caratterizza, la città catalana ha quel qualcosa in più che la rende speciale. E poi, grazie al suo clima soleggiato, si può andare in spiaggia fino a settembre inoltrato!

Barca

Amsterdam

Se decidete di visitare la capitale olandese, non perdetevi “La ronda di notte”. Ma, attenzione: non si tratta di andare a zonzo dopo il tramonto, ma del capolavoro di Rembrandt conservato al Rijksmuseum, uno dei più importanti musei di arte moderna del mondo. Per conoscere invece gli angoli più incantevoli di Amsterdam, l’ideale è affittare una bicicletta e andare su e giù tra le strade e i canali: scoprirete perché la chiamano la “Venezia del nord Europa”.

Adam

Londra

Festival, concerti, pic-nic all’aria aperta (pioggia permettendo), musei, shopping, vita notturna… La lista delle cose da vedere e da fare a Londra è sterminata. Ecco allora un consiglio: scegliete un itinerario particolare, un percorso originale per scoprire la Swinging London e cercate di uscire dagli itinerari classici. Scoprirete una città affascinante e ricca di sorprese, perfino a costi accessibili.